Collezione Giuseppe Iannaccone

News


COLLEZIONE GIUSEPPE IANNACCONE HA ADERITO ALL’INIZIATIVA INTERNATIONAL GAME CAMP (IGC) 2017

Creare nuovi format interattivi per innovare i beni culturali, sviluppare un videogioco come medium artistico e di narrazione. Questo e molto altro dal 13 al 15 ottobre 2017 allo IED – Istituto Europeo di Design di Milano e al George Brown College Toronto, dove Streamcolors e Bookrepublic presentano il progetto International Game Camp.

International Game Camp è progettato e prodotto da Streamcolors, studio d’arte digitale e sviluppo software realtime per i musei, Bookrepublic, agenzia di comunicazione e produttore di eventi culturali e iC-Innovazione Culturale di Fondazione Cariplo, il bando che ogni anno sostiene idee innovative nel campo della cultura e che quest’anno sarà lanciato intorno a metà ottobre (stay tuned!). Il progetto è realizzato in collaborazione con oltre 30 musei nazionali, George Brown College Toronto, IED – Istituto Europeo di Design di Milano, Politecnico di Milano, IVIPRO (Italian Videogame Program) e con il patrocinio di AESVI.

In un confronto prezioso, l’industry dei videogiochi incontra il mondo delle istituzioni culturali per identificare nuove pratiche, percorsi di formazione e di sperimentazione per la creazione di una conoscenza condivisa che possa dare il via a nuovi format e nuove espressioni.

L’International Game Camp è un evento di alta formazione che permette l’incontro e la collaborazione priva di stereotipi tra i due mondi, finora divergenti, dei beni culturali e dei videogiochi, con l’obiettivo di creare e ideare nuovi scenari comuni. La sinergia tra IED Istituto Europeo di Design, Politecnico di Milano e George Brown College di Toronto, darà vita a un momento di formazione trasversale unico nel suo genere. Tra Milano e Toronto, con partecipanti nelle due sedi di IED e George Brown College, si verrà a creare un luogo inedito, dove praticare sperimentazioni, percorsi di formazione e pratiche innovative per ampliare una conoscenza collettiva a metà tra videogiochi e Musei.

Lo spirito era quello di provare, sperimentare, lasciare carta bianca ai giovani partecipanti per vedere, cosa, in maniera libera e creativa, avrebbero creato per conoscere qualcosa in più su questa generazione di millennials (sui quali tanto ci si interroga) e per farli lavorare utilizzando come materiale ispirazionale dei quadri o degli oggetti museali.

 

Potete vedere a questi link una sintesi del IGC:

Trovate i video di tutti i talk e dei trailer realizzati dai ragazzi a questo link:

https://www.youtube.com/channel/UC8vhS1Q7U-ZxI1mDVfqCwkg/videos?view_as=subscriber