Collezione Giuseppe Iannaccone

Artwork

Vangi Giuliano, Uomo nudo in piedi, 1981, nichel and copper, 92 × 24.5 × 31.5 cm

Biography

Vangi Giuliano

Giuliano Vangi è nato nel 1931 a Barberino di Mugello e oggi vive e lavora a Pesaro. Dopo gli studi all’Istituto d’Arte di Firenze, dove è stato allievo di Bruno Innocienti, diviene insegnante all’Istituto d’Arte di Pesaro e di Cantù. Dal 1959 al 1962 si trasferisce in Brasile, dove si dedica a studi astratti lavorando cristalli e metalli quali ferro e acciaio. Al suo rientro in Italia, durante gli anni della guerra fredda, si stabilisce prima a Varese e poi a Pesaro. Si dedica oltre che a lavori di carattere religioso anche a opere, sempre rigorosamente pezzi unici, dove prende corpo l’idea dell’uomo con le sue angosce e le sue paure, come se di colpo l’artista decidesse di mettere a nudo l’essere umano e di raccontare la vita di tutti i giorni. In collezione Iannaccone sono presenti due sculture, da sempre allestite nell’abitazione privata del collezionista, un Uomo nudo in piedi realizzato nel 1981 in lega di nichel e rame che non vuole essere un inno alla bellezza di un corpo atletico, come avveniva nel passato, ma piuttosto un inno all’essere semplicemente uomo con le sue debolezze e le sue ansie e Il Nodo del 1992, una statua in bronzo che raffigura un uomo e una donna stretti mano nella mano in una corsa verso il loro futuro lasciando intravedere una felicità che potrebbe essere per sempre.

Related Artworks

Artist: Vangi Giuliano


Il nodo, 1992

Artwork

Vangi Giuliano, Il nodo, 1992, bronze, 63 × 73.5 × 92 cm

Biography

Vangi Giuliano

Giuliano Vangi è nato nel 1931 a Barberino di Mugello e oggi vive e lavora a Pesaro. Dopo gli studi all’Istituto d’Arte di Firenze, dove è stato allievo di Bruno Innocienti, diviene insegnante all’Istituto d’Arte di Pesaro e di Cantù. Dal 1959 al 1962 si trasferisce in Brasile, dove si dedica a studi astratti lavorando cristalli e metalli quali ferro e acciaio. Al suo rientro in Italia, durante gli anni della guerra fredda, si stabilisce prima a Varese e poi a Pesaro. Si dedica oltre che a lavori di carattere religioso anche a opere, sempre rigorosamente pezzi unici, dove prende corpo l’idea dell’uomo con le sue angosce e le sue paure, come se di colpo l’artista decidesse di mettere a nudo l’essere umano e di raccontare la vita di tutti i giorni. In collezione Iannaccone sono presenti due sculture, da sempre allestite nell’abitazione privata del collezionista, un Uomo nudo in piedi realizzato nel 1981 in lega di nichel e rame che non vuole essere un inno alla bellezza di un corpo atletico, come avveniva nel passato, ma piuttosto un inno all’essere semplicemente uomo con le sue debolezze e le sue ansie e Il Nodo del 1992, una statua in bronzo che raffigura un uomo e una donna stretti mano nella mano in una corsa verso il loro futuro lasciando intravedere una felicità che potrebbe essere per sempre.

Related Artworks

Artist: Vangi Giuliano


Uomo nudo in piedi, 1981