Collezione Giuseppe Iannaccone

Opera

Shaw Raqib, Hanga Irises and Grasshopper, 2001, tecnica mista su pannello, 45.7 × 60.8 cm

BIografia

Shaw Raqib

Camminando per le strade un po’ malinconiche della North London, ti ritrovi ad un certo punto ad avvertire qualcosa nell’aria. Profumo di olio di mandorla e di incenso ti conducono nello studio di Raqib Shaw, nato nel 1974 a Calcutta, bellissimo, dai lineamenti delicati come un principe indiano ma al tempo stesso stravagante, proprio come le sue tele. Realizzate su carta e su tavola sono lavorate con grande meticolosità. Ciascun fiore, ciascun scheletro o cervello di donna che esplode è costruito con una linea di contorno che sembra un forziere riempito di colori violentissimi e pietre preziose luccicanti. A differenza dei quadri di Hieronymus Bosch, a cui i suoi lavori sembrano in qualche modo ispirarsi, manca, nei lavori di Shaw, il senso di colpa e di condanna immininente. Gli animali esplorano il piacere. “Le mie opere raffigurano un mondo che esiste nella mia immaginazione, un luogo in cui bellezza, sensualità, sesso ed edonismo partecipano ad un’orgia deliziosa; come in un orgasmo perpetuo, non ci sono limiti, confini o etichette, solo piacere per il puro gusto di esplorare piacere”. La vernice per auto che utilizza asciuga in un minuto, quindi va manipolata molto velocemente e non si può correggere. Insoddisfatto della vita reale, si crea un mondo tutto suo fatto di re, regine, fiori e giardini giapponesi. E quando questo mondo è creato si sofferma a guardare quanto è bello. “I miei lavori sono come me! Non riesco a trattenermi. Voglio fare opere d’arte, nelle quali vorrei vivere”. E quando qualcuno lo definisce artista indiano risponde: “Vi prego, datemi tregua. Non sono mai stato ispirato dai tappeti e da queste cose. Certo, è la mia cultura ma non mi ha ispirato”.

Opere Correlate

Artista: Shaw Raqib


Untitled , 2005


Death, Beauty and Justice, 2007


Mary Wotton, Lady Guildford, 2007


Untitled , 2009

Anno: 2001 Mostra tutte le opere (10)


The Veils, 2001


Stage of Evidence, 2001


Anita Joy, 2001


Messina, Quartiere Giostra_23, 2001


Spiaggia "Figura sulla spiaggia"_15, 2001

Geografia: Regno Unito India Mostra tutte le opere (34)


Skull of Minuso, 2007


Untitled (Empiricist), 2009


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


Untitled (Girl Feeding Gulls), 2008

Tema: Natura Morta Animali Veduta Mostra tutte le opere (94)


Untitled (Laissez Faire), 2009


L'armadio, 1938


Soprabito sul divano, 1941


Periferia (Grottammare), 1932


Tassì rosso, 1932

Tecnica: Pittura Mostra tutte le opere (157)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Ballerine, 1938


L'armadio, 1938


Caffè, 1940

Opera

Shaw Raqib, Untitled, 2005, tecnica mista su carta, 59.4 × 41.9 cm

BIografia

Shaw Raqib

Camminando per le strade un po’ malinconiche della North London, ti ritrovi ad un certo punto ad avvertire qualcosa nell’aria. Profumo di olio di mandorla e di incenso ti conducono nello studio di Raqib Shaw, nato nel 1974 a Calcutta, bellissimo, dai lineamenti delicati come un principe indiano ma al tempo stesso stravagante, proprio come le sue tele. Realizzate su carta e su tavola sono lavorate con grande meticolosità. Ciascun fiore, ciascun scheletro o cervello di donna che esplode è costruito con una linea di contorno che sembra un forziere riempito di colori violentissimi e pietre preziose luccicanti. A differenza dei quadri di Hieronymus Bosch, a cui i suoi lavori sembrano in qualche modo ispirarsi, manca, nei lavori di Shaw, il senso di colpa e di condanna immininente. Gli animali esplorano il piacere. “Le mie opere raffigurano un mondo che esiste nella mia immaginazione, un luogo in cui bellezza, sensualità, sesso ed edonismo partecipano ad un’orgia deliziosa; come in un orgasmo perpetuo, non ci sono limiti, confini o etichette, solo piacere per il puro gusto di esplorare piacere”. La vernice per auto che utilizza asciuga in un minuto, quindi va manipolata molto velocemente e non si può correggere. Insoddisfatto della vita reale, si crea un mondo tutto suo fatto di re, regine, fiori e giardini giapponesi. E quando questo mondo è creato si sofferma a guardare quanto è bello. “I miei lavori sono come me! Non riesco a trattenermi. Voglio fare opere d’arte, nelle quali vorrei vivere”. E quando qualcuno lo definisce artista indiano risponde: “Vi prego, datemi tregua. Non sono mai stato ispirato dai tappeti e da queste cose. Certo, è la mia cultura ma non mi ha ispirato”.

Opere Correlate

Artista: Shaw Raqib


Hanga Irises and Grasshopper, 2001


Death, Beauty and Justice, 2007


Mary Wotton, Lady Guildford, 2007


Untitled , 2009

Anno: 2005 Mostra tutte le opere (8)


Ballerina with Action Man Parts, 2005


Sundenbock, 2005


Haircut, 2005


Untitled (The Room was a Pool), 2005


The East is coming , 2005

Geografia: Regno Unito India Mostra tutte le opere (34)


Skull of Minuso, 2007


Untitled (Empiricist), 2009


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


Untitled (Girl Feeding Gulls), 2008

Tema: Ritratto Natura Morta Animali Mostra tutte le opere (172)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Shikijyo Sexual Desire, 1996/2008


Grand diary of photo mania, 1998-2008


Pola Eros, 2007

Tecnica: Pittura Mostra tutte le opere (157)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Ballerine, 1938


L'armadio, 1938


Caffè, 1940

Opera

Shaw Raqib, Death, Beauty and Justice, 2007, acrilico, smalto, glitter, strass su tela applicata su alluminio, 74 cm

BIografia

Shaw Raqib

Camminando per le strade un po’ malinconiche della North London, ti ritrovi ad un certo punto ad avvertire qualcosa nell’aria. Profumo di olio di mandorla e di incenso ti conducono nello studio di Raqib Shaw, nato nel 1974 a Calcutta, bellissimo, dai lineamenti delicati come un principe indiano ma al tempo stesso stravagante, proprio come le sue tele. Realizzate su carta e su tavola sono lavorate con grande meticolosità. Ciascun fiore, ciascun scheletro o cervello di donna che esplode è costruito con una linea di contorno che sembra un forziere riempito di colori violentissimi e pietre preziose luccicanti. A differenza dei quadri di Hieronymus Bosch, a cui i suoi lavori sembrano in qualche modo ispirarsi, manca, nei lavori di Shaw, il senso di colpa e di condanna immininente. Gli animali esplorano il piacere. “Le mie opere raffigurano un mondo che esiste nella mia immaginazione, un luogo in cui bellezza, sensualità, sesso ed edonismo partecipano ad un’orgia deliziosa; come in un orgasmo perpetuo, non ci sono limiti, confini o etichette, solo piacere per il puro gusto di esplorare piacere”. La vernice per auto che utilizza asciuga in un minuto, quindi va manipolata molto velocemente e non si può correggere. Insoddisfatto della vita reale, si crea un mondo tutto suo fatto di re, regine, fiori e giardini giapponesi. E quando questo mondo è creato si sofferma a guardare quanto è bello. “I miei lavori sono come me! Non riesco a trattenermi. Voglio fare opere d’arte, nelle quali vorrei vivere”. E quando qualcuno lo definisce artista indiano risponde: “Vi prego, datemi tregua. Non sono mai stato ispirato dai tappeti e da queste cose. Certo, è la mia cultura ma non mi ha ispirato”.

Opere Correlate

Artista: Shaw Raqib


Hanga Irises and Grasshopper, 2001


Untitled , 2005


Mary Wotton, Lady Guildford, 2007


Untitled , 2009

Anno: 2007 Mostra tutte le opere (17)


Pola Eros, 2007


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


River Crossing (St. Christopher), 2007


The Measure II, 2007

Geografia: Regno Unito India Mostra tutte le opere (34)


Skull of Minuso, 2007


Untitled (Empiricist), 2009


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


Untitled (Girl Feeding Gulls), 2008

Tema: Natura Morta Animali Mostra tutte le opere (47)


L'armadio, 1938


Soprabito sul divano, 1941


Senza titolo, 2013


Bat opera (1, 2, 3, 4, 5), 2006


Il suonatore di flauto, 1940

Tecnica: Pittura Mostra tutte le opere (157)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Ballerine, 1938


L'armadio, 1938


Caffè, 1940

Opera

Shaw Raqib, Mary Wotton, Lady Guildford, 2007, tecnica mista su carta, 75.09 × 75.75 cm

BIografia

Shaw Raqib

Camminando per le strade un po’ malinconiche della North London, ti ritrovi ad un certo punto ad avvertire qualcosa nell’aria. Profumo di olio di mandorla e di incenso ti conducono nello studio di Raqib Shaw, nato nel 1974 a Calcutta, bellissimo, dai lineamenti delicati come un principe indiano ma al tempo stesso stravagante, proprio come le sue tele. Realizzate su carta e su tavola sono lavorate con grande meticolosità. Ciascun fiore, ciascun scheletro o cervello di donna che esplode è costruito con una linea di contorno che sembra un forziere riempito di colori violentissimi e pietre preziose luccicanti. A differenza dei quadri di Hieronymus Bosch, a cui i suoi lavori sembrano in qualche modo ispirarsi, manca, nei lavori di Shaw, il senso di colpa e di condanna immininente. Gli animali esplorano il piacere. “Le mie opere raffigurano un mondo che esiste nella mia immaginazione, un luogo in cui bellezza, sensualità, sesso ed edonismo partecipano ad un’orgia deliziosa; come in un orgasmo perpetuo, non ci sono limiti, confini o etichette, solo piacere per il puro gusto di esplorare piacere”. La vernice per auto che utilizza asciuga in un minuto, quindi va manipolata molto velocemente e non si può correggere. Insoddisfatto della vita reale, si crea un mondo tutto suo fatto di re, regine, fiori e giardini giapponesi. E quando questo mondo è creato si sofferma a guardare quanto è bello. “I miei lavori sono come me! Non riesco a trattenermi. Voglio fare opere d’arte, nelle quali vorrei vivere”. E quando qualcuno lo definisce artista indiano risponde: “Vi prego, datemi tregua. Non sono mai stato ispirato dai tappeti e da queste cose. Certo, è la mia cultura ma non mi ha ispirato”.

Opere Correlate

Artista: Shaw Raqib


Hanga Irises and Grasshopper, 2001


Untitled , 2005


Death, Beauty and Justice, 2007


Untitled , 2009

Anno: 2007 Mostra tutte le opere (17)


Pola Eros, 2007


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


River Crossing (St. Christopher), 2007


The Measure II, 2007

Geografia: Regno Unito India Mostra tutte le opere (34)


Skull of Minuso, 2007


Untitled (Empiricist), 2009


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


Untitled (Girl Feeding Gulls), 2008

Tema: Ritratto Natura Morta Animali Mostra tutte le opere (172)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Shikijyo Sexual Desire, 1996/2008


Grand diary of photo mania, 1998-2008


Pola Eros, 2007

Tecnica: Pittura Mostra tutte le opere (157)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Ballerine, 1938


L'armadio, 1938


Caffè, 1940

Opera

Shaw Raqib, Untitled, 2009, vernice industriale, smalto, diamanti e glitter su carta, 59.3 × 42 cm

BIografia

Shaw Raqib

Camminando per le strade un po’ malinconiche della North London, ti ritrovi ad un certo punto ad avvertire qualcosa nell’aria. Profumo di olio di mandorla e di incenso ti conducono nello studio di Raqib Shaw, nato nel 1974 a Calcutta, bellissimo, dai lineamenti delicati come un principe indiano ma al tempo stesso stravagante, proprio come le sue tele. Realizzate su carta e su tavola sono lavorate con grande meticolosità. Ciascun fiore, ciascun scheletro o cervello di donna che esplode è costruito con una linea di contorno che sembra un forziere riempito di colori violentissimi e pietre preziose luccicanti. A differenza dei quadri di Hieronymus Bosch, a cui i suoi lavori sembrano in qualche modo ispirarsi, manca, nei lavori di Shaw, il senso di colpa e di condanna immininente. Gli animali esplorano il piacere. “Le mie opere raffigurano un mondo che esiste nella mia immaginazione, un luogo in cui bellezza, sensualità, sesso ed edonismo partecipano ad un’orgia deliziosa; come in un orgasmo perpetuo, non ci sono limiti, confini o etichette, solo piacere per il puro gusto di esplorare piacere”. La vernice per auto che utilizza asciuga in un minuto, quindi va manipolata molto velocemente e non si può correggere. Insoddisfatto della vita reale, si crea un mondo tutto suo fatto di re, regine, fiori e giardini giapponesi. E quando questo mondo è creato si sofferma a guardare quanto è bello. “I miei lavori sono come me! Non riesco a trattenermi. Voglio fare opere d’arte, nelle quali vorrei vivere”. E quando qualcuno lo definisce artista indiano risponde: “Vi prego, datemi tregua. Non sono mai stato ispirato dai tappeti e da queste cose. Certo, è la mia cultura ma non mi ha ispirato”.

Opere Correlate

Artista: Shaw Raqib


Hanga Irises and Grasshopper, 2001


Untitled , 2005


Death, Beauty and Justice, 2007


Mary Wotton, Lady Guildford, 2007

Anno: 2009 Mostra tutte le opere (8)


Untitled (Empiricist), 2009


Ubu roi (The War March), 2009


F(XIXR)i, 2009


Autoritratto come Universo, 2009


Autoritratto come parte di paesaggio notturno (tra un triangolo e un cerchio), 2009

Geografia: Regno Unito India Mostra tutte le opere (34)


Skull of Minuso, 2007


Untitled (Empiricist), 2009


Untitled (Feeding the Gulls), 2007


Untitled (The Eternity Chamber), 2007


Untitled (Girl Feeding Gulls), 2008

Tema: Ritratto Natura Morta Animali Mostra tutte le opere (172)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Shikijyo Sexual Desire, 1996/2008


Grand diary of photo mania, 1998-2008


Pola Eros, 2007

Tecnica: Pittura Mostra tutte le opere (157)


Untitled (Man/Woman with Shoe on Head), from The Liar series, 1995


Untitled (Study for Painting and Punishment), 2000 - 2003


Ballerine, 1938


L'armadio, 1938


Caffè, 1940